Our Posts

Titolari effettivi Sentenza della Corte di giustizia dell’U.E. – in Grande Sezione

 

Nella Repubblica d’Albania, a partire dall’anno 2020, è entrata in vigore la legge n. 112/2020 “Sul registro dei titolari effettivi” la quale ha subito una veloce modifica anche con la legge n. 6/2022 “Per alcune modifiche e integrazioni nella legge n. 112/2020, “Sul registro dei titolari effettivi”.

Trattandosi di una legge nazionale parzialmente ravvicinata alla direttiva (UE) 2015/849 del Parlamemto Europeo e del Consiglio, del 20 maggio 2015, “Sulla prevenzione dell’uso del sistema finanziario a fini di riciclaggio o finanziamento del terrorismo” assume valore e rilevanza la giurisprudenza della Corte di Giustizia dell’U.E  sugli aspetti regolatori della Direttiva sopracitata.

Ultimamente, tramite il meccanismo della pronuncia pregiudiziale, secondo le previsioni dell’articolo 267 del Trattato sul funzionamento dell’U.E, tribunal d’arrondissement de Luxembourg ha presentato presso la Corte di Giustizia due domande per l’interpretazione da parte della stessa per quanto riguarda il rifiuto della domanda effettuata dal titolare effettivo nei confronti dell’autorità pubblica che amministra i dati dei titolari effettivi in Lussemburgo per vietare l’accesso al pubblico sulle informazioni del titolare effettivo.

La Corte di giustizia, dopo aver preso sotto esame gli istituti del: accesso del pubblico sulle informazioni dei titolari effettivi – Articoli 7 ed 8 della Carta dei diritti fondamentali dell’U.E che tutelano i diritti fondamentali come il rispetto nei confronti della propria vita privata e familiare, tutela dei dati personali, con sentenza in Grande Sezione della stessa in data 22.11.2022 ha dichiarato l’invalidità dell’articolo 1, punto 15, lettera c) della direttiva (UE) 2018/843 del Parlamento Europeo e del Consiglio nella parte in cui è prevista che gli stati membri adottino misure in modo che i dati e le informazioni sui titolari effettivi siano accessibili in ogni caso dal pubblico.

Con tale sentenza della Corte della giustizia l’intervento degli organi pubblici degli stati membri viene limitato ed equilibrato nel suo intervento negli aspetti della vita privata e familiare, nelle previsioni della tutela dei dati personali.

Per maggiori informazioni: [email protected]

http://legalealbania.com