Our Posts

Amministrazione collettiva dei diritti d’autore

In data 15.06.2021 è stato pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale, l’Ordinanza n. 336, del 10.6.2021 “Per la modifica dell’ordinanza n. 385, del 13.10.2020, “Sulla determinazione dei criteri e delle procedure per l’ottenimento della licenza per l’amministrazione collettiva dei diritti d’autore, del suo rinnovo, nonché sulla determinazione dei criteri e delle procedure per la sospensione e la revoca della licenza”, ai sensi della Legge n. 35/2016, in data 31.03.2016, “Sui diritti d’autore e altri diritti connessi”, modificato, che entra in vigore immediatamente dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

Le ultime modifiche riguardano ulteriori criteri per l’ottenimento della licenza come Agenzia di Amministrazione Collettiva dei diritti (in abbreviato AAK), i quali per svolgere le competenze di amministrazione collettiva dei diritti d’autore, salvo quanto previsto dalla legge n. 35/2016, del 31.3.2016, ormai devono presentare una dichiarazione di consenso scritta da parte dei titolari dei diritti che li autorizzano ad amministrare i propri diritti nonché la prova di espressione della volontà per la rappresentanza reciproca con le agenzie straniere, in lingua albanese.

Il termine per la presentazione di questa dichiarazione è entro 6 mesi dall’ottenimento della licenza per la rispettiva categoria dei diritti d’autore o altri diritti connessi.

Per il rinnovo della licenza, al fine di svolgere l’amministrazione collettiva dei diritti d’autore e degli altri diritti connessi, l’AAK deve essere in possesso di un contratto accompagnato da un elenco completo dei titoli delle opere che verranno amministrate e dovrà attestare il rispetto dei rapporti di reciprocità con le agenzie estere con le quali è stato stipulato un’accordo/contratto di rappresentanza.

Queste modifiche sono necessarie per l’amministrazione collettiva dei diritti d’autore e degli altri diritti connessi, poiché la disponibilità di un contratto sottoscritto tra un AAK e i titolari dei diritti, nonché la previsione su quali saranno esattamente questi diritti, consente di evitare ogni abuso che può verificarsi in merito all’amministrazione di tali diritti e le numerose cause che hanno avuto come oggetto proprio la contestazione delle carenze sopra elencate.

Per maggiori informazioni: [email protected]

http://legalealbania.com